Azienda Ospedaliera di Perugia

Emergenza COVID-19: in allestimento ospedale da campo all'ospedale di Perugia

Assessore Melasecche: "Grazie all'Esercito per il prezioso contributo"


Sono iniziati questa mattina, a Perugia, nell’area adiacente l’eliporto dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia, le operazioni di allestimento dell’Ospedale da campo da parte dell’Esercito, che ha accolto la richiesta che abbiamo avanzato come Regione Umbria, tramite la nostra Protezione Civile, al fine di alleggerire la pressione sul sistema sanitario regionale, a fronte dell’aumento del numero di ricoveri di pazienti affetti da COVID-19”.

È quanto riferisce l’assessore regionale, Enrico Melasecche, che coglie l’occasione per ringraziare, anche a nome della presidente della Regione Donatella Tesei, l’Esercito italiano per “il prezioso supporto che sta offrendo all’Umbria ed al Paese, in questo difficilissimo momento di emergenza".

La richiesta di allestimento dell’Ospedale da campo è stata avanzata dalla Regione Umbria al Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), che - come detto - ha già iniziato da questa mattina le operazioni di montaggio che proseguiranno “h24” e si concluderanno nella giornata di mercoledì 11 novembre.

L’intervento, che rientra nel piano di salvaguardia presentato dalla Direzione Salute e che verrà approvato nella prossima riunione della giunta regionale, vede la collaborazione della Protezione Civile regionale e della stessa Azienda Ospedaliera di Perugia, e rientra tra le attività volute dal Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, gestite e coordinate dal COI per supportare quanto più possibile il Paese in questo momento di difficoltà dettato dalla emergenza epidemiologica.

L’ospedale da campo dell’Esercito offrirà prestazioni di tipo clinico-assistenziale nei confronti di pazienti con infezione da Covid-19 laboratoristicamente confermata, che rientrino nella categoria dei cosiddetti “paucisintomatici”.

La struttura potrà avere una capacità ricettiva di circa 34 posti letto di degenza ordinaria e 3 posti letto di degenza sub-intensiva.

L’attività assistenziale sarà assicurata da medici, farmacista, Infermieri, Operatori Logistico Sanitari (OLS) e da Operatori Socio Sanitari militari ed avrà diretto contatto con l’Azienda Ospedaliera di Perugia che renderà disponibili tutti i DPI, i farmaci, i gas medicali e i dispositivi monouso necessari alla corretta prosecuzione dell’attività assistenziale, le prestazioni di radiodiagnostica e di medicina di laboratorio, di medicina e chirurgia specialistiche, l’assistenza di terapia intensiva e di tutte le eventuali prestazioni di urgenza/emergenza.

fonte: AUN - Agenzia Umrbia Notizie - Regione Umbria

Contenuto inserito il 07-11-2020, aggiornato al 09-11-2020

Ultime notizie

Notizia

Studio sulle violenze contro gli operatori sanitari

Premio SISI assegnato a Nicola Ramacciati e al suo gruppo di ricerca

Notizia

Riconoscimento per donne che operano in prima linea contro il Covid-19

Becattini e Ceccarelli: "Lo condividiamo con la grande squadra dell'Ospedale di Perugia"

Notizia

Ospedale di Perugia continua l’impegno contro la violenza di genere

Nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, foto di gruppo delle professioniste impegnate alla lotta contro il Covid-19

Notizia

Poltrona multifunzionale per pazienti SLA

Donata da familiari di paziente scomparsa un anno fa