Cardiologia

DIREZIONE


Direttore: DR CLAUDIO CAVALLINI

Tel.: 075 5782206 - Fax: 075 5782214

e-mail: claudio.cavallini@ospedale.perugia.it 

Segreteria: tel. 075 5782213/3359, fax 075 5782214

E-mail: claudio.cavallini@ospedale.perugia.it 


DOVE SIAMO


Direzione e segreteria: Blocco A, piano 5°;

UTIC e Semintensiva, Degenza Ordinaria e Day Surgery (ala dx): Blocco D, 7° piano

Lab. Emodinamica: Blocco A, 7° piano

Lab. Elettrofisiologia: Blocco D, piano -2

Ambulatori: Blocco N, piano -1


EQUIPE MEDICA


Costanza Bracco, Andrea Broccatelli, Carmelo Catanese, Claudia Castellani, Vincenzo Chiodini, Maurizio Del Pinto, Mauro Faleburle, Federico Fortunati, Camillo Gatteschi, Claudio Giombolini, Egle Grikstaite, Salvatore Notaristefano, Paolo Pasini, Fabrizio Righi, Stefano Santucci, Mariagrazia Sardone, Rocco Sclafani, Laura Sperandini, Gianluca Zingarini.

 


ATTIVITA'


Unità di Terapia Intensiva Cardiologica (UTIC):

Vi vengono ricoverati i pazienti critici con infarto miocardico acuto, scompenso cardiaco acuto, gravi aritmie cardiache, embolia polmonare acuta e massiva, o pazienti sottoposti a procedure interventistiche complesse che necessitano di monitorizzazione dei parametri vitali. La struttura è attrezzata per l’esecuzione in loco di interventi diagnostico-terapeutici avanzati (monitoraggio cruento della pressione arteriosa sistemica o polmonare, pericardiocentesi, applicazione di pace-maker temporaneo, di contro pulsatore aortico o di sistemi di ventilazione non invasiva);


Unità di terapia semi-intensiva:

Vengono qui ricoverati pazienti acuti che non necessitano di ricovero in UTIC o pazienti provenienti dall’UTIC una volta superata la fase più critica della malattia;


Reparto di degenza ordinaria (ala Dx):

Vi si ricoverano in prevalenza pazienti elettivi che devono essere sottoposti a procedure invasive di emodinamica o di elettrofisiologia o pazienti acuti con profilo di rischio inferiore rispetto a quelli ricoverati in UTIC;


Laboratorio di emodinamica e cardiologia interventistica:

Si eseguono correntemente le seguenti procedure:

-> Coronarografia: Esame diagnostico eseguito in anestesia locale per  lo studio delle arterie coronarie;

-> Angioplastica coronarica: procedura terapeutica eseguita in anestesia locale consistente nella dilatazione delle arterie coronariche gravemente ristrette. Vengono solitamente applicate delle sottilissime reti metalliche (stent) che schiacciano le placche coronariche e ripristino un normale lume del vaso. Vengono eseguiti anche interventi di alta complessità consistenti in ricanalizzazione di arterie cronicamente occluse (CTO) o dilatazione di arterie notevolmente calcifiche, non altrimenti dilatabili, con l’ausilio di particolari frese che frammentano il calcio coronarico (Rotablator).

-> Angioplastica primaria: è l’angioplastica che viene eseguita nei pazienti con un infarto acuto in atto. Trattandosi di una procedure di emergenza, ne viene garantita la fattibilità H24 e 7giorni/7. Il centro si caratterizza per un altissimo volume di attività (325 angioplastiche primarie eseguite nel 2011).

-> Trattamento delle cardiopatie congenite: si eseguono interventi di chiusura percutanea dei difetti del setto interatriale (DIA), del Forame Ovale Pervio (FPO), dei difetti interventricolari (DIV) e del dotto di Botallo pervio. Si tratta di anomalie congenite che fino a qualche anno fa necessitavano di intervento cardochirurgico e che attualmente possono essere trattate per via transcatetere, con risultati analoghi a quelli della chirurgia. Molto spesso tali procedure vengono eseguite in anestesia locale evitando l'impiego di sonde ecografiche trans-esofagee e con utilizzo della tecnica dell'ecografia intracardiaca.

-> Valvuloplastica  aortica: è un intervento che consiste nella dilatazione mediante pallone, in anestesia locale,di valvole aortiche gravemente ristrette e calcifiche. Può essere utilizzato in pazienti con stenosi aortica severa che non rispondono alla terapia medica e per i quali non sia possibile la sostituzione chirurgica della valvola. Talora viene utilizzata come ponte alla chirurgia, per pazienti troppo gravi per l’intervento chirurgico immediato.

-> Sostituzione valvolare aortica percutanea (TAVI): rappresenta una delle più recenti acquisizioni della cardiologia interventistica. Consiste nella sostituzione per via percutanea della valvola aortica. La procedura viene eseguita, nella maggioranza dei casi, per via femorale e in sola anestesia locale. Viene effettuata in stretta collaborazione con i cardiochirurghi, gli anestesisti della TIPOC e i chirurghi vascolari dell’azienda. Va effettuata su pazienti ben selezionati, che presentino controindicazioni all’intervento cardochirurgico tradizionale;

-> Applicazione di Mitraclip: assieme alla sostituzione valvolare percutanea rappresenta un intervento di altissima tecnologia e di recente acquisizione. Consiste nella applicazione sulla valvola mitrale di un dispositivo (Mitraclip) impiantabile per via percutanea e che permette di ridurre notevolmente e spesso di eliminare l'insufficienza mitralica. In pratica permette di eseguire lo stesso tipo di procedura (intervento edge to edge sui lembi mitralici) che i cardiochirurghi eseguono a cuore aperto secondo la tecnica meglio conosciuta come "intervento di Alfieri". Viene eseguito in casi selezionati, con anatomia favorevole alla procedura e su pazienti con controindicazioni assolute all'intervento cardiochirurgico. Viene effettuata in anestesia generale in stretta collaborazione con gli anestesisti della TIPOC.

Heart Team

Le opzioni di trattamento per i pazienti più complessi vengono discusse quotidianamente in presenza di cardiologi clinici, cardiologi emodinamisti, cardiochirurghi ed,eventualmente, cardioanestesisti. Vengono in tal modo individuate le scelte più adatte al singolo caso (terapia medica, interventistica coronarica o strutturale, trattamento cardochirurgico), dopo valutazione dei rischi e benefici delle diverse procedure.

 

Laboratorio di elettrostimolazione e elettrofisiologia interventistica
Si eseguono correntemente le seguenti procedure:
Impianto di pace-maker.

Vengono applicati  in casi di rallentamenti patologici della frequenza cardiaca.
Impianto di defibrillatori permanenti.

Sono dispositivi tecnologicamente molto avanzati che intervengono automaticamente  in caso di arresto cardiaco da fibrillazione ventricolare permettendo la ripresa dell’attività cardiaca.
Ablazione transcatetere.

Rappresenta l’ultima frontiera dell’aritmologia interventistica. Sono interventi che eliminano i focolai da cui originano le aritmie, che possono così essere prevenute anche quando esse risultano refrattarie a farmaci antiaritmici. Vengono correntemente eseguite per il trattamento di aritmie recidivanti atriali (flutter atriale, tachicardia parossistica sopraventricolare, fibrillazione atriale, tachicardia reciprocante da via anomala) o ventricolare ( tachicardia ventricolare sostenuta). Per la loro escuzione vengono utilizzati sistemi di mappaggio elettrofisiologico molto avanzati che permettono di analizzare nei minimi dettagli le zone di origine e di diffusione delle aritmie.

 

Appropriatezza delle indicazioni

Tutte le procedure interventistiche vengono eseguite nel più rigoroso controllo dei criteri di appropriatezza e in accordo con le raccomandazioni espresse dalle linee guida nazionali e internazionali. I principali indicatori di performance vengono costantemente monitorizzati. 


Ambulatori specialistici e laboratori Ambulatorio della cardiopatia ischemica Ambulatorio delle post-PTCA Ambulatorio delle aritmie Ambulatorio controllo pace-maker e defibrillatori Ambulatorio delle patologie delle valvole cardiache Ambulatorio delle cardiopatie congenite dell’adulto Laboratorio di ecocardiografia (trans toracica, trans esofagea, eco-stress farmacologico, ecocardiogramma da sforzo) Laboratorio di ergometria (prove da sforzo al cicloergometro) Laboratorio Holter ecg e monitoraggio pressorio 24 ore


DEGENZA


Coordinatore infermieristico: Donatella Falchetti, tel.: 075 5782238, fax: 075 5782567, Paolo Tiradosso e Carla Minciarelli 075 5782278, 075 5782215, 075 5782623.

 

 ORARI DI ACCESSO AL PUBBLICO

 

Si ricorda che i visitatori, nell'interesse dei degenti, sono tenuti ad osservare le seguenti disposizioni:

-> invito a rispettare gli orari di visita;

-> disinfettare le mani utilizzando gli appositi dispenser;

-> rispettare la privacy dei pazienti ricoverati;

-> limitare l'utilizzo di telefoni cellulari;

-> effettuare la raccolta differenziata secondo le indicazioni riportate negli appositi depliant.

 

Volontari Associazione Umbra Cuore e Ipertensione - AUCI

 

 

Attraverso i link sottostanti è possibile consultare la DGR. 978/2013 e il Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI):

 

Deliberazione Giunta Regionale n. 978/2013

 

Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI).


CARTA DEI SERVIZI E DEGLI IMPEGNI

  CARDIOLOGIA integrata DX degenza

 CARDIOLOGIA SUB-INTENSIVA degenza

 CARDIOLOGIA Ambulatori Pronto Soccorso

  CARDIOLOGIA Ambulatori