Aiutaci a migliorare Ti è stata utile la consultazione di questa pagina?
ico-moltoico-pocoico-nulla
Segnalazioni INVIA UNA SEGNALAZIONE O UN SUGGERIMENTO

In ospedale a Perugia l’ideatore della clowterapia Bambini in festa : “ Al mio posto parlino gli occhi dei piccoli pazienti”



 

Arriva il maestro mondiale del sorriso e il reparto di Oncoematologia Pediatrica  del S. Maria della Misericordia si trasforma in un set cinematografico.

Una confusione indescrivibile, ma i sorrisi si sprecano e cinquanta bambini, tra ricoverati ed in terapia ambulatoriale, trascorrono un pomeriggio indimenticabile.

Patch Adams, un medico  che ha inventato la clowterapia,  è appena sbarcato  in Italia ,proveniente dalla Virginia dove vive ,  e il suo primo obiettivo è stato quello di portare la sua lunga esperienza di curatore dell’anima, per alleggerire la sofferenza dei piccoli pazienti e rafforzare il messaggio di speranza  a quanti costretti per molti mesi n ospedale, in attesa di tornare alla vita.

Adams  sollecitato a rilasciare una dichiarazione tramite  l’interprete,  ha fatto sapere che “ Il Maestro preferisce che parlino gli occhi dei bambini”.

Uno spettacolo  durato più di un’ora, senza un copione  ma seguendo l’istinto,  spostandosi nei corridoi e nelle camere di degenza , con bambini, genitori, personale sanitario  ipnotizzati dalle magie di mister Adams , chemseppure non al massimo della forma fisica, anche per il lungo viaggio, non si risparmia. , proponendo  giochi a ripetizione.

A  Perugia per uno spettacolo di beneficienza, in programma  per lunedì  sera al teatro Morlacchi , il papà della clowterapia ha accolto l’invito  di Banca Mediolanum e del  Lions Club Centenario, per visitare la struttura ospedaliera,  accompagnato  dal direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Emilio Duca ,  dal direttore sanitario Diamante Pacchiarini e dal consigliera regionale Carla Casciari.  Il presidente dei Lions Massimo Monni e il responsabile  Mediolanum Francesco Tei, anch’essi presenti hanno anticipato che il ricavato dello spettacolo teatrale sarà utilizzato per l’acquisto di un monitor gigante per la proiezione di film e l’acquisto di altre apparecchiature tecnologiche che saranno donate alla struttura di Oncoematologia pediatrica.

“E’ scientificamente provato che la qualità della vita  dei  bambini ricoverati, e comunque in terapia oncologica, è collegata  direttamente  alla migliore qualità  dell’umore per ottenere  una remissione della malattia e la  guarigione – ha  ribadito  il Dott. Maurizio Caniglia, responsabile della struttura.

La visita dell’inventore della clownterapia  di sicuro  accresce le motivazioni, già forti  dei tanti gruppi di volontari che svolgono  questa attività,  oltre a dispensare sorrisi,  è propedeutica al buon esito delle cure”.