Aiutaci a migliorare Ti è stata utile la consultazione di questa pagina?
ico-moltoico-pocoico-nulla
Segnalazioni INVIA UNA SEGNALAZIONE O UN SUGGERIMENTO

Giuristi e sanitari per approfondire le norme che regolano l’attività di laboratorio in materia di omicidio stradale

E’ in programma per venerdì  3 Novembre (ore 14) presso la  sala convegni  de  “Alla posta

dei Donini” di San Martino in Campo  un incontro  su “ La Tossicologia Forense:  “ le nuove normative e il coinvolgimento delle varie figure professionali ”,

organizzato dalla SIPMEL (Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio) , con il patrocinio di  USL Umbria 1 , Azienda Ospedaliera di Perugia Umbria 2 e SIBIOC (società italiana di biochimica clinica).

Al convegno hanno assicurato la loro presenza  l’Assessore alla Sanità Umbra  Luca Barberini ,il Direttore Generale della Azienda Ospedaliera di

Perugia   Emilio Duca ,il Presidente Nazionale  della SIPMeL Bruno Biasioli e  il Presidente  della Società scientifica che riunisce tutte le associazioni della Medicina di Laboratorio Roberto Verna . “Il tema trattato da  relatori  di fama nazionale ed internazionale  è di grande rilevanza e di notevole interesse

scientifico – dice la Dott.ssa Simonetta Morlunghi, presidente del convegno, dirigente medico della USL Umbria 1 -. L’obbiettivo principale è quello di concentrare l’attenzione degli esperti sui cambiamenti  riguardanti l’ attività  medico-sanitaria dopo l’introduzione della legge 41 del 23 Maggio 2016  sul  reato di omicidio stradale. Riteniamo –aggiunge Morlunghi-  sia  necessaria una profonda conoscenza per il personale sanitario dell’area Emergenza-urgenza delle norme che regolano  prelievo ematico, custodia dei test e conservazione  dei materiali, una materia complessa da disciplinare, a  garanzia  per il cittadino  e per l’intero sistema giuridico-sanitario”